Cambiavalute Frisione

dal 1955

G. Bretagna - Vittoria - Sterlina 1885 vecchio conio

GRAN BRETAGNA - Regina Vittoria (1837 - 1901) -  Sterlina 1885 (sterlina oro V.C.) - D/ Testa giovane della regina a sinistra; R/ San Giorgio che trafigge il drago - Peso 7,9881 g - Titolo 917 millesimi  - Diametro 22 mm - Bordo Rigato - La quotazione varia a seconda del valore dell'oro che praticamente cambia ogni giorno; vedi quotazioni aggiornate indicative.   Falsificazioni * *   RATING   "R"     Elenco delle zecche nel mondo conianti la Sterlina inglese.

La regina Vittoria coniò la prima sovrana stemmata (sterlina oro vecchio conio) l'anno successivo alla sua venuta in trono cioè nel 1838; vennero coniate sovrane oro a tiratura numismatica  da ritenersi quindi molto rare e costose; dal 1842 al 1874 (non tutti gli anni) vennero coniate per la normale circolazione. Negli anni 1853/54/55 si possono trovare la iniziali W W in incuso od in rilievo, senza variazioni di prezzo o rarità. Sono da considerarsi molto rare: il 1841, il 1843 con lo stemma più stretto del normale,  il 1859 al quale  venne aggiunta un linea al nastrino reggi capelli, e il 1874 ultimo anno di coniazione. Sono altresì rare le versioni "proof" fatte negli anni 1838, 1839, 1853 e 1869. Dal 1871 venne affiancata dalla sterlina oro vecchio conio testa giovane, con il San Giorgio che uccide il drago al rovescio. La Gran Bretagna conierà nuovamente una sterlina oro con lo stemma al rovescio solo nel 2002.  

Il prezzo della sterlina oro è dato sia dal valore giornaliero dell'oro sia dalla classica legge della domanda e offerta; non essendo moneta numismatica la conservazione non è determinante, ma la moneta non deve essere deturpata da segni troppo evidenti e da colpi sul bordo da cadute ​ In Italia, per complicare le cose come al solito, viene fatto un distinguo tra sterlina vecchio conio e nuovo conio e come se non bastasse tra nuovo conio antecedente al 1973 e posteriormente al 1974  Sono complicazioni ad un problema inesistente sollevato dalle banche che negli anni 60 e 70 del secolo scorso trattavano anche sterline oro; per la poca preparazione dei cassieri commercializzarono principalmente le sterline di Elisabetta al momento in circolazione; con la crisi del 1973, le speculazioni su petrolio con conseguente salita dell'oro, comparvero molte sterline contraffatte; questo fattore assieme alla sventurata introduzione dell'IVA  spinsero le banche a non trattare più monete d'oro. Ci ritroviamo oggi (senza più l'IVA, per fortuna) con delle tabelle prezzi indicativi fatte da nuove ditte sul mercato che ribadiscono i prezzi differenti tra le varie sterline, senza che ci sia una vera ragione. Crediamo che in futuro, quando Elisabetta II non sarà più regina, i prezzi delle sterline saranno uguali, d'altronde con stesso peso e titolo e con copiose tirature, non esistono veri motivi per fare delle differenze.